Provincia di Cosenza - Portale - Home Page

Cosenza - La Provincia per Voi

Vai al contenuto

Sei in: Home > vista documento

A Piazza XV Marzo un Consiglio Provinciale di commiato

Il saluto di Franco Iacucci ai Consiglieri provinciali uscenti

Affari Istituzionali - Cosenza, 13/12/2021

A Piazza XV Marzo un Consiglio Provinciale di commiato

Tempi di elezioni e di commiati. In questo ultimo Consiglio Provinciale del 2021, ma anche della consiliatura, lasciano i Consiglieri per termine del mandato.

«Una giornata particolare – questo l’incipit del Presidente Iacucci – in cui si chiude un’esperienza importante di consiliatura. Sono stati anni di grande lavoro, partiti con un Ente in affanno a causa della Riforma Delrio, ma in cui è stato fatto tanto soprattutto nei settori dell’Edilizia scolastica e della Viabilità. Abbiamo affrontato problemi e momenti difficili anche sui conti, riorganizzando e motivando la macchina burocratica, ma oggi consegniamo un Ente con i conti a posto, che può fare investimenti importanti. C’è anche più attenzione adesso nei confronti delle Province da parte di Governo e Parlamento e nella Riforma degli EE.LL. già in cantiere il loro ruolo sarà diverso e diversi saranno gli Organi, con più autorevolezza nella rappresentanza dell’Istituzione. Le sfide saranno importanti in vista dei finanziamenti del PNRR, ma la Provincia di Cosenza ha la possibilità di farvi fronte, nonostante la carenza di personale».

Queste le considerazioni del Presidente Iacucci, che ha ringraziato i consiglieri uscenti: «grazie per il clima sereno, per il rispetto reciproco e per la collaborazione. A chi tornerà in quest’aula auguro buon lavoro; per chi continuerà la sua strada affrontando altre esperienze, auspico buona vita con amicizia che spero continui nel tempo», le conclusioni del Presidente della Provincia.

Tutti concordi, i Consiglieri di maggioranza e di opposizione, nel ringraziare Franco Iacucci e porgergli un caloroso saluto. Così il Consigliere Cuzzocrea, con il suo “grazie per essere stato un bravo Presidente”; e poi gli auguri a Iacucci di Sposato “per un buon prosieguo”; il compiacimento di Aceto per “il grande risultato nel rapporto fra tutti noi, grazie a un Presidente che ha saputo unire nell’interesse del territorio”; l’emozione palpabile di Gianfranco Ramundo, che dopo più di dodici anni lascia l’impegno politico diretto ma continuerà in altri modi e diverse forme “perché al sogno non rinuncio ed io sogno di cambiare volto e destino alle nostre comunità”.
Proprio il Consigliere Ramundo ha presentato all’Assemblea una proposta di Ordine del Giorno, approvata all’unanimità, per un “Progetto di mobilità urbana”: una metropolitana leggera di superficie per collegare Lamezia Terme e l’aeroporto internazionale con tutti i comuni costieri – da Tortora ad Amantea – sfruttando il tracciato ferroviario esistente, da inserire nella programmazione del PNRR per il finanziamento.
Discussi e approvati tutti i punti all’Ordine del Giorno dei lavori. In particolare: ratificata la disposizione n. 165/2021 di variazione al Bilancio di Previsione 2021/2023, con salvaguardia degli equilibri complessivi di bilancio sia per competenza che per cassa; approvato il bilancio consolidato per l’esercizio 2020, corredato dalla relazione sulla gestione consolidata che comprende la nota integrativa e la relazione del collegio dei revisori dei conti; approvata la razionalizzazione periodica delle partecipazioni pubbliche al 31.12.2020 della Provincia di Cosenza, ai sensi dell’art. 20 del Decreto Legislativo 19 agosto 2016, n. 175. Il Consiglio Provinciale ha infine approvato la trasformazione di “Cosenza Acque S.p.A. in liquidazione” in Azienda Speciale Consortile – previa la contestuale revoca dello stato di liquidazione – avente ad oggetto la gestione dei servizi idrici integrati. Sul punto il Presidente Iacucci ha precisato che trattasi di un percorso individuato e concordato con rapporto diretto con la Regione Calabria e il Presidente Occhiuto.

index1 index5 index7 index8 index9 index2

Home Page
aggiornato il 13 dicembre 2021 alle 16:35 da Rita Benigno
documento consultato: 384 volte

Indietro